Imparare a fare surf: la guida definitiva

Surf: guida per iniziare e imparare a surfare

Suggerimenti e tecniche per il surfista principiante

Surfare sembra facile quando guardi i professionisti, ma ci sono molti fondamentali da conoscere prima di riuscire a surfare senza problemi. Il miglior modo per iniziare è di solito con una lezione di surf. Puoi trovare una scuola di surf nella nostra directory, oppure puoi chiedere a un amico surfista di portarti fuori e di darti qualche suggerimento e consiglio.

Nel caso in cui non hai una persona a cui chiedere, qui c’è una breve lista di suggerimenti e consigli che dovresti leggere prima di entrare in acqua.

Per prima cosa, prima di iniziare a remare e distruggerti fisicamente, assicurati di aver preso due decisioni fondamentali:

  1. scegli la giusta tavola per imparare a surfare
  2. scegli la migliore zona per imparare a surfare

Queste due semplici scelte influenzeranno notevolmente la tua prima esperienza di surf. Il posto migliore per imparare a surfare è una spiaggia piatta di sabbia dove c’è abbastanza spazio per trovare la tua zona in acqua. Non vorrai mica imparare in una lineup affolata di surfisti esperti? Per motivi di sicurezza, non si consiglia di imparare a surfare in una zona dove bambini e famiglie nuotano spensieratamente.

Piede Natural o Goofy (destro o sinistro avanti)?

Quale sarà il piede che metterai davanti, quello sinistro o quello destro? Guarda questa breve dimostrazione video su come scoprire se sei un surfista regular (piede sinistro in avanti), oppure goofy (piede destro in avanti):

Pratica il popup (stare in piedi sulla tavola)

Popping up (ovvero saltare in piedi sulla tavola) per te diventerà un movimento naturale, ma hai bisogno di fare molta pratica. Inizia esercitandoti sulla spiaggia. Sdraiati sulla tavola. Metti le mani sulla tavola, sotto alle spalle come se dovessi fare un piegamento sulle braccia e distendi le gambe dietro di te. Ora, con un movimento rapido, spingiti in su e pianta saldamente i tuoi piedi sulla tavola.

surf come fare il popup alzarsi sulla tavola

Il piede anteriore dovrà essere rivolto in avanti, mentre il piede posteriore dovrà essere di lato. Un altro metodo è quello di fare prima piegamento sulle braccia, e poi di spostare velocemente il piede che conduce davanti e di piantare il piede posteriore ruotandolo lateralmente.

Uno dei suggerimenti che un surfista esperto ti può dare, sarà quello di non alzarti appoggiando le ginocchia. Questa è una cattiva abitudine di molti surfisti principianti. Sembra un modo più facile per alzarsi, ma in realtà è molto più difficile balzare in piedi se hai le ginocchia appoggiate. Guarda la dimostrazione di Vanessa che ti spiega come remare e fare un pop-up.

Preparati a surfare

Uno dei migliori suggerimenti che possiamo darti, è quello di assicurarsi d’aver cerato perfettamente la tua tavola prima di entrare in acqua. Questo ti consentirà una buona trazione e una base con ottimo grip quando proverai ad alzarti sopra un’onda. Inoltre assicurati di fissare saldamente il tuo leash alla tavola. Questo impedirà alla tavola di allontanarsi da te e di colpire altre persone. Ora, lega la cavigliera del leash al tuo piede posteriore (il piede posteriore sarà sempre lo stesso, come nel caso della mano dominante). Qui ci sono due video dove Vanessa ti mostrerà come cerare la tavola e come usare il leash.

Impara a remare (paddling)

Una buona tecnica per surfare inizia prima di bagnarsi. Inizia guardando il mare. Fatti un’idea di dove si forma la cresta e dove rompono le onde. Guarda la schiuma che si forma e fatti un’idea di quanto lontano dovrai remare.

Con la tua tavola in mano, inizia a camminare nell’acqua. Cammina più distante possibile: in genere fino a quando l’acqua arriverà al tuo stomaco. Più avanti sarà difficile camminare e tenere la tua tavola.

come remare nel surf

Ora, sali sulla tua tavola e distenditi a pancia in giù. Posizionati correttamente sulla tavola. Non vorrai rimanere seduto troppo indietro e far impennare 1/3 della tavola fuori dall’acqua. Se invece sei troppo avanti, il nose affonderà mentre remi (questo è chiamato pearling).

Trova un buon equilibrio in modo che il nose sia sopra l’acqua. Ora estendi le gambe dietro di te e inizia a remare, si tratta di un movimento simile a quello dello stile libero nel nuoto. Tini i piedi fuori dall’acqua. Nota come la tavola si muove sull’acqua, come è equilibrata mentre tu ci sei disteso sopra e come dondola agilmente in avanti e in dietro.

Devi remare oltre la schiuma. Qui è dove le onde rompono. Devi sederti appena fuori al punto in cui le onde rompono, devi stare nel bordo esterno dell’onda.

Prendi la tua prima onda

Con il primo paio di onde, prova a prendere la schiuma e cavalcarla in avanti fino alla spiaggia. Quando vedi un piccolo muro che rotola verso di te, punta la tua tavola verso la spiaggia, distenditi piatto sul tuo stomaco e rema! Resta disteso a pancia in giù, non provare a saltare in piedi. Invece, rimani sdraiato, studia come si muove la tavola quando cavalca un’onda, dondolando lato a lato per testare la sua stabilità e per vedere come curva facilmente.

Ok… hai preso il feeling? Ora è tempo di prendere una vera onda. Ritorna a remare e vai oltre al punto in cui le onde rompono. Siediti sulla tavola e guarda come avanzano le onde, studia la cresta e come si rompono. Guarda come le onde si rompono solitamente nello stesso punto. È difficile scrivere come dovresti prendere un’onda: questo è qualcosa che dovresti scoprire da solo. Ma, qui ci sono alcuni suggerimenti che ti possono aiutare a prendere le tue prime onde.

surf come prendere onda

Devi iniziare a remare e prendere l’onda prima che si rompa e crei la cresta con la schiuma. Quando l’onda cresce in altezza, inizia a muoversi più velocemente. Questo significa, che per catturarla, devi remare veloce o più veloce dell’onda in movimento.

Quando sei pronto, cerca un’onda che inizia a fare la cresta. Punta la tavola verso la costa e inizia a remare. In genere, all’inizio starai solo remando prima di sentirti scivolare sull’onda. Una volta che la tavola inizia a viaggiare da sola, metti le mani sopra di essa in una posizione da piegamento sulle braccia, spingiti in alto e con un rapido movimento, pianta i piedi sulla tavola. Non devi distendere le gambe, resta basso per mantenere l’equilibrio.

Congratulazioni! Hai appena preso la tua prima onda!

Tecniche surf: guida per principianti

Vediamo ora nel dettaglio tutte le tecniche di cui hai bisogno per poter imparare a surfare.

Afferrare le onde

Entra dritto in azione e prendi alcune onde rimanendo nella posizione eretta. È un ottimo modo per prendere velocità su un’onda e cavalcarla.

Remare sulla tavola da surf (stare supini con la testa e parte del busto rialzati). Leggi come fare a prendere le onde.

Nuotare (paddling) sulla tavola

Questa guida ti insegnerà come stare sulla tua tavola nella posizione corretta e fare una passeggiata in giro in questa posizione prima di sfidare le onde. leggi come nuotare sulla tavola

Passare sotto le onde (Duck Diving)

È assolutamente necessario imparare questo passaggio, se desideri allinearti perfettamente e surfare sulle onde ininterrottamente. Questa è la guida per imparare a stare in modo permanente e per breve tempo sulla tavola (slowboard). Tale tecnica richiede molta pratica per essere padroneggiata, quindi molto esercizio. Leggi come entrare nell’ onda (Duck Diving)

Girare sottosopra la tavola (tecnica del turtle roll)

Passare sotto le onde con la tavola lunga! Come raggiungere la line-up (la parte alta dell’onda) quando ti trovi sulla tavola da surf più lunga o nel caso tu non sia in grado di immergere la tavola più corta con la funboard. Leggi come far girare sottosopra la tavola (tecnica del turtle roll)

Stare in piedi sulla tua tavola da surf

Sei un surfista “goofy”, cioè spericolato e bizzarro o naturale? Non preoccuparti se non lo sai, perché stai per scoprirlo con questo articolo. Leggi come stare in piedi sulla tua tavola da surf

Come salire sulla tavola (pop up)

Ecco il metodo corretto per andare a posizionarsi sulla tavola da surf e rimanere in piedi su un’onda.

Prendere onde “pulite” (non rotte)

Prendi le onde in modo pulito. Ora è possibile raggiungere la line-up (linea immaginaria da seguire per il surfista nella parte più alta dell’onda). È questo il tempo di imparare a toccare e scivolare sulle onde in modo pulito e ininterrotto. Sappi che questo è il surf vero.
Quasi nessuno dei principianti riesce a prendere e percepire l’onda sin da subito. Ci vuole tempo ed esercizio, ma una volta che si riuscirà a cavalcare l’onda si capirà che tutte le fatiche fatte fino a quel momento ne sono valse la pena. Dopo un po’ si riuscirà a cavalcare l’onda solo per pochi metri, e con il tempo sempre e sempre di più, comprendendo la sua velocità, la dinamica di moto, la tipologia dell’onda e altri fattori che aiuteranno il surfing. Con la pratica e l’esercizio, insomma, niente è impossibile!

Rimane sulla line-up

Quando sei al di là delle onde rotte siediti sul bordo della tua tavola da surf ad aspetta che arrivi un’onda migliore.

Sedersi sulla tavola

Il miglior modo per uscire a surfare e andare oltre le onde di rottura non è sempre il percorso diretto.
Ecco qualche consiglio su come farlo.

La posizione sull’onda

Scopri dove posizionarti sull’onda per mantenere la tua velocità e scegliere con grande libertà la direzione.

Bottom turns (la tecnica della curva stretta)

Il bottom turns è la tecnica della curva stretta sfruttando entrambe le estremità della tavola È indispensabile che un surfer controlli il momento della tecnica del bottom turns. Sono coperti e riparati sia i lati che la parte posteriore durante l’uso di questa tecnica.

La velocità nel surf

Migliora la velocità mentre stai surfando con un buon posizionamento sull’onda, in modo da generare velocità con il pompaggio (piegamento sulle gambe e corretta postura) e il rimbalzo.

Il cutbacks (tecnica della curva di 180°)

Si usa una riduzione per portare il surfista nella parte più potente dell’onda (con una forte spinta). Sembra grandioso quando è fatto correttamente. Impara come farlo leggendo questo articolo.

Questo sito tratta di lezioni di surf per i principianti, quindi ancora sportivi inesperti. Ecco alcuni elementi che ampliano le tue conoscenze su uno sport come il surf e che influenzeranno in futuro la scelta delle tue attrezzature.

Attrezzatura da surf per principianti

una panoramica di livello elevato riguardo alle attrezzature necessarie

Scegliere la tavola da surf

Ottenere la tavola da surf giusta e progredire rapidamente

Guida alla muta da surf

Tanti articoli su come funzionano le mute, le diverse dimensioni e i tipi.

Guida al gancio di supporto

Assicurati di avere il giusto aggancio e di sapere come collegarlo correttamente al surf.

Familiarizza con l’attrezzatura da surf

Assicurati di conoscere la differenza tra la tua cera e i tuoi stivali da muta.

Se stai pensando di acquistare un surf per la prima volta, ecco alcune cose di cui dovresti essere a conoscenza. Non devi farti del male, danneggiare altre persone oppure infastidire quelli che si trovano sulla spiaggia. Le regole le puoi trovare sul vademecum di base della pagina di navigazione. (da notare “fare surf” e “regole” nella stessa frase? Ahhhh!).

Il codice etico del surfista

Ci sono modi per sapere come agire correttamente quando sei sul surf e, rispettando questa serie di regole conosciuta come l’etichetta di questo sport, potrai rimanere dritto e circoscritto sulla tua tavola da surf. I surfisti sono generalmente un gruppo amichevole e tollerante, nei confronti dei principianti che si comportano nel modo corretto.

Il linguaggio dei surfisti (i termini più usati)

Scopri quali sono i termini più utilizzati dai surfisti, in modo da capire come vengono chiamate le tecniche e le manovre più conosciute

Se non sei stato fortunato a esserti esercitato facendo surf, perché non guardi alcuni video? Ci sono gratuitamente su Internet e abbiamo una grande sezione video su questo sito. Non cercare solo quelli per i principianti, dai un’occhiata ai surfisti di tutti i livelli. Ti darà un’ottima sensazione per il surf e si possono anche apprendere alcune tecniche preziose. (E così sarai ispirato a diventare un surfista migliore).

E adesso cosa devo fare? I primi passi  (le basi) per i principianti

Sia che si abbia una tavola o no, è possibile iniziare a praticare il surf a distanza di migliaia di chilometri dall’oceano Pacifico, in casa propria qua in Italia. Il surf, del resto, si basa sull’alzarsi sulla tavola in piedi e riscendere le onde. Si tratta, quindi, di un esercizio che si basa sull’equilibrio, sul bilanciamento del proprio corpo e sulla coordinazione.

Per questo, se si vogliono raggiungere delle vette in questo sport, conviene iniziare dal piccolo, senza le onde. Si può partire dagli esercizi basilari, come il restare in equilibrio su una gamba su superfici differenti.

Dapprima è possibile prendere in considerazione l’idea di stare in equilibrio su una gamba sul pavimento, quindi sul divano, e poi, – perché no?, – su una grande palla da fitness poco gonfiata. Prima una gamba, poi l’altra, in modo da percepire tutto il corpo e sentire come si spostano gli equilibri. Ancor prima d’iniziare il surfing, il praticante deve aver già sentito come muovere il proprio corpo per modificare il bilanciamento, altrimenti il surf sarà di qualità scarna.

Per rinforzare i muscoli dei piedi è possibile saltellare sulle gambe, e per riuscire a stare con i piedi leggermente piegati per molto tempo, si devono fare esercizi di stretching. Il surfista, che sulle onde dovrà stare con i piedi piegati per molto tempo, deve saper distendere i muscoli. Lo stretching, per questo, è fondamentale, come sono fondamentali anche altri esercizi, come il restare con le ginocchia piegate quasi a 90° per molto tempo.

Gli esercizi da fare a casa per imparare (e migliorare) nel surfing, sono tanti. La lista completa può essere trovata sul web, in inglese. Tuttavia, bisogna sempre, – sempre!, – ricordarsi che nessuna pratica a casa può essere migliore del surfing stesso.

Ultimi suggerimenti

Presupponendo che per iniziare a surfare non bisogna per forza avere una tavola da surf e recarsi alle famose Hawaii, è possibile imparare a tenere l’equilibrio anche in casa propria. Prima, però, è meglio fare dei passi teorici, imparando a conoscerlo, il surfing.

Innanzitutto bisogna conoscere le due grandi categorie di surf, e quindi decidere qual è quella che si addice al caso proprio. La prima categoria è la shortboard, tavoletta le cui dimensioni variano da 1 metro e 50 a 2 metri e 10. La seconda categoria usa soltanto tavole più lunghe di 2 metri e 75. Nella prima categoria le tavole sono più sottili.

Nella seconda – più lunghe e larghe. Inoltre ci sono molte altre varianti, come le Kneeboard. Le tavole vengono spesso scelte in base alle onde: ci sono le onde con più di due metri d’altezza e quelle con meno altezza. La scelta di una tavola, comunque non strettamente necessaria per praticare in casa, dipende dall’altezza e dal peso. Tuttavia, se si è principianti è meglio scegliere una tavola molto lunga e larga.

Durante l’utilizzo di una tavola da surf, che sia per allenamento o competizione, bisogna ricordarsi che le tavole sono sia costose, che delicate. Niente comportamenti sbadati con la tavola, ricordandosi di non lasciarla esposta al sole per troppo tempo.

All’inizio tutto sembrerà molto confuso. Non si saprà cosa fare prima e da dove iniziare. Niente paura! Facendo un passo alla volta, non si riuscirà a sbagliare. Innanzitutto, bisogna mettersi con la pancia all’ingiù sulla tavola e nuotare verso le onde. Circa 30-40 metri dalla costa (una distanza variabile da caso a caso), ci si deve alzare in piedi sulla tavola.

Quest’azione si chiama “take-off”. Questo movimento, il take-off, può essere praticato anche in spiaggia o casa, fino ad automatizzarlo. Facendo il take-off, bisogna anche sapere di già quale piede mettere in avanti: i destri metteranno il destro, i mancini – il sinistro. Dal piede messo davanti dipenderà la direzione della tavola, ma anche il piede d’appoggio non è da tralasciare. Una volta in piedi sulla tavola, le mani vanno posizionate leggermente piegate e all’altezza del petto, la testa in alto, la schiena piegata fino a formare una U.

Il piede d’appoggio dev’essere piegato all’altezza delle ginocchia, quello davanti anch’esso leggermente flesse. I piedi devono restare al centro della tavola, perpendicolare alla stessa. Una grande attenzione meritano le braccia: queste sono fondamentali per poter percepire le onde e l’acqua. Questa è la posizione di base, assunta poco prima che arrivi l’onda. Finché non ci sono onde, si è sempre nella posizione precedente: nuotando a pancia in giù sulla tavola. Arriva l’onda? Bene: è il tempo di fare take-off.

Questo sito è stato creato per aiutare tutti coloro che non hanno intenzione e voglia di imparare a fare surf. Il sito presenta ciascuno dei passaggi che dovrai padroneggiare per diventare un surfista competitivo. Se hai domande e non riesci a trovare le risposte, in questi articoli di surfing, vai al forum. Ci sono un sacco di membri utili che potranno offrirti consigli e incoraggiamenti. Rimani con noi e imparerai a surfare in pochissimo tempo.

More Like This


Categorie


Lezioni di surf

Tag


Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Latest Posts


css.php